È vero che è possibile fare uno spostamento di 1 minuto e non farlo risultare sulla stampata?

Questa settimana il nostro formatore ha deciso di affrontare un argomento molto dibattuto durante i corsi di formazione, la regola del minuto e i brevi spostamenti.

 

Che cos’è la regola del minuto?

I tachigrafi di “prima generazione” (vedi tabella), registravano attività di guida anche brevissime come se avessero la durata di un minuto.

Questo inizialmente ha portato ad una notevole disparità tra chi guidava con un tachigrafo digitale e chi con uno analogico.

Con un tachigrafo di prima generazione è sufficiente fare un breve movimento, anche di un secondo, e il tachigrafo registra l’intero minuto come attività di guida.

Con il REG. 1266/2009 sono state introdotte alcune novità tra cui appunto “la regola del minuto”; in che cosa consiste?

Secondo il Reg. 1266/2009 “l’intero minuto sarà considerato come l’attività di maggiore durata verificatasi entro quel minuto”

In pratica le attività di guida effettuate sotto i 30 secondi non vengono considerate come guida (vedi esempi qui sotto).

   

 

Ma sfruttando la regola del minuto, posso effettuare uno spostamento di quasi un intero minuto e non far risultare il movimento sulla stampa?

Sì, se i due periodi di guida di 29 secondi sono in due minuti differenti (vedi esempio qui sotto).

 

ATTENZIONE : Lo stesso  concetto vale se al posto del pittogramma del lettino si utilizza quello dei martelletti ( cioè lavoro)

Di seguito riportiamo invece un esempio di una stampa con alternanza guida e pause.

Questo un secondo esempio di una stampa con alternanza tra guida e lavoro (colonna, rallentamento o spostamento per carico)

Attenzione: affinché il tachigrafo registri l’attività prevalente è necessario che trascorra tutto il minuto.

Ad esempio: veicolo in movimento per 29 secondi, poi fermarsi e selezionare lettino/lavoro e aspettare il termine del minuto.

 

Come faccio a calcolare i secondi? Esistono strumenti che fanno conteggi precisi?

Per poter effettuare il conteggio preciso è possibile installare uno strumento collegato al tachigrafo che effettua il conteggio dei secondi in maniera precisa e indica al conducente quando effettuare lo spostamento senza interrompere la pausa o senza consumare attività di guida.

Tacho drive timer
Per informazioni e acquisti
info@tachconsulting.it

 

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Come funziona la regola del minuto per i tempi di guida?

Se sto effettuando una pausa o un riposo giornaliero e sono costretto a spostare il veicolo, come mi devo comportare per non incorrere in sanzioni?

 

 

© TachConsulting – Riproduzione riservata